Indagine sulle domande di brevetto biotech

1° step: selezione delle domande di brevetto nel settore biotech

La prima serie di consulenze ha permesso di selezionare, tra le domande di brevetto in attesa di esame, quelle rientranti nel settore biotecnologico, al fine di classificarle sulla base della classificazione internazionale IPC (International Patent Classification). Detta attività di selezione e classificazione è relativa a 20.000 domande di brevetto giacenti presso l'Ufficio DGLC_UIBM, depositate prima del 1 luglio 2008, sulla base dei dati e della documentazione rese disponibili dall'UIBM.

2° step: classifiche specifiche

Sulla base dei risultati ottenuti dal 1° step, sono state selezionate:

  • domande di brevetto nel settore biotecnologie e brevetti nel settore farmaci biotech;
  • domande di brevetto concernenti sequenze geniche;
  • domande di brevetto valutate secondo i parametri della Direttiva 98/44/CE;
  • domande di brevetto depositate secondo la procedura nazionale direttamente in Italia;
  • domande di brevetto europeo con indicazione dell'Italia (o brevetti valicati) con eventuale priorità nazionale;
  • presenza dell'indicazione, nella domanda di brevetto, della dichiarazione sull'origine del materiale biologico ai sensi dell'art. 5 comma 2 L. 78/2006 in connessione con la mancata presenza di analogo obbligo per l'Ufficio Brevetti Europeo

3° step: analisi dei risultati

L'analisi dei risultati scaturenti da dette classifiche comporta:

  • un'analisi sulle domande di brevetto europeo che hanno effetto in Italia ma non contengono la dichiarazione in quanto non esiste obbligo analogo nella Direttiva;
  • la definizione di linee guida per l'UIBM ai fini dell'esame di tali domande di brevetto;
  • la definizione di linee guida per l'identificazione dei criteri di valutazione, da parte del Ministero, delle domande di brevetto in relazione agli adempimenti procedurali ai sensi dell'art. 5 comma 1, 2, 3 L. 78/2006;
  • un'analisi delle ragioni dell'uso ridotto dello strumento brevettuale;
  • un'analisi delle ragioni per la quantità esigua di domande di brevetto (carenza di deposito di brevetti a livello locale, depositi all'estero, mancanza di fiducia).

Link esterni

CNRB non è responsabile del contenuto dei link esterni
  • Centro Nazionale per le Risorse Biologiche
  • Comitato Nazionale per la Biosicurezza e le Biotecnologie
  • Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
  • Ministero dello Sviluppo Economico

Valid XHTML 1.1